Riabilitazione di edentulia mascellare con chirurgia implantare computer-guidata e protesi provvisoria a carico immediato

Riabilitazione di edentulia mascellare con chirurgia implantare computer-guidata e protesi provvisoria a carico immediato

Implantologia guidata con protesi provvisoria avvitata a carico immediato di tipo full-arch realizzata con tecnologia CAD-CAM

 

All’attenzione degli autori si presentava una paziente di sesso femminile di 41 anni di età nella quale si evidenziava l’assenza di elementi dentari multipli ad entrambe le arcate dentarie e permanenza di pochi elementi dei quali alcuni fratturati e non vitali. La paziente, in buone condizioni di salute generale ma con carente igiene orale, presentava, inoltre, perdita di dimensione verticale di occlusione (DVO), insufficiente supporto labiale e spazi protesici ridotti dalla macroglossia. La paziente lamentava severi problemi di carattere funzionale, legati sia alla masticazione che alla fonazione, nonchè rilevanti problemi di ordine estetico, causati prevalentemente dalla totale invisibilità degli elementi mascellari sia a riposo sia durante la funzione.

1

3

2

4

5

6

7

8

9

10

La paziente richiedeva una protesizzazione di tipo fisso e, dopo un attento studio clinico e radiologico del caso, si è deciso di optare per un intervento di chirurgia implantare computer-guidata con protesi provvisoria avvitata a carico immediato.

Al fine di fornire un primo provvisorio di stabilizzazione e diagnosi, veniva trattato endodonticamente e ricostruito con un perno in fibra l’elemento 11.

11

12

13

14

15

Nel frattempo, venivano fabbricati dei valli occlusali in cera per poter effettuare le convenzionali prove estetiche e fonetiche finalizzate alla determinazione di una corretta DVO. I valli sono stati sagomati e modificati in funzione delle necessità del caso ed il corretto orientamento del piano occlusale è stato verificato mediante il piano di Fox.

Sul vallo mascellare sono state identificate la linea mediana e l’area di esposizione dinamica della paziente.

Una volta stabilita la DVO, tale dimensione è stata registrata a livello cutaneo per mezzo di un calibro elettronico di precisione. Successivamente, della cera a basso coefficiente di distorsione è stata impiegata per registrare i rapporti intermascellari ed è stato rilevato un arco facciale analogico tradizionale, verificando il corretto parallelismo con la linea dell’orizzonte.

17

16

18

21

22

23

28

30

I rapporti intermascellari venivano registrati mediante un arco facciale.

La dinamica mandibolare è stata registrata mediante delle basi di registrazione in resina implementate con un sistema di registrazione dell’arco gotico (Arco facciale Artex Amann Girrbach); tale sistema è stato stabilizzato sulla DVO precedentemente identificata e verificata per mezzo del calibro digitale sopra descritto.

29

32bis

32c

33

35

36

37

38

39

Successivamente, con finalità puramente speculative e per effettuare una comparazione tra registrazioni analogiche e digitali, i rapporti intermascellari ed i movimenti mandibolari sono stati anche registrati mediante un arco facciale digitale (ARCUSdigma, KaVo).

I modelli sono stati montati in un sistema tarato che comprende articolatori e scanner (DW Serie 3), per cui in ambiente digitale si ripete la stessa posizione.

44d

44c

44b

44a

I modelli master ed i valli occlusali sono stati importati nel software protesico, in modo da modellare la ceratura di lavoro digitale sulla base delle registrazioni cliniche effettuate.

44e

44f

44g

44h

44i

44j

44k

44l

44m

Una volta ottenuta una modellazione soddisfacente rispetto al piano occlusale, è stato realizzato un provvisorio preliminare con tecnica CAD-CAM (Fresatrice DWX50 Roland) in polimetilmetacrilato (PMMA, Sintesisud) monocromatico dall’elemento 16 all’elemento 26, al fine di poter verificare la correttezza della progettazione in sede intraorale.

44n

44o

44p

44q

44r

44w

44x

44y

La protesi veniva stabilizzata mediante crema adesiva. A causa della severa atrofia del mascellare superiore, l’estetica del provvisorio di studio non era ottimale, data la presenza di corone cliniche eccessivamente lunghe. La paziente non aveva accettato interventi di rigenerazione ossea; ciò nonostante, è stata realizzata una mascherina gengivale in silicone, in modo da poter valutare correttamente l’area di esposizione dinamica durante la funzione e il sostegno dei tessuti periorali per poi effettuare eventuali correzioni della dimensione apico-coronale degli elementi protesici.

49

47

45

46

Pur rispettando la corretta DVO, la protesi provvisoria non risultava soddisfacente da un punto di vista estetico a causa di corone troppo lunghe in direzione incisale e troppo evidenti sia a riposo che durante la funzione. Di conseguenza, si provvedeva a modificare il provvisorio in ambiente digitale e si produceva una seconda protesi provvisoria in PMMA di studio come descritto in precedenza.

51a

51e

51d

Il secondo provvisorio supportava correttamente i tessuti molli ma, ancora una volta, le corone risultavano eccessivamente lunghe; si procedeva, quindi, alla modifica della protesi direttamente in sede intraorale.

52

53

54

55

56

57

58

60

59

61

Una volta determinata una valida morfologia di compromesso tra posizione di riposo ed area di esposizione dinamica, le modifiche venivano trasportate dapprima sul modello fisico mediante cera da modellazione e, successivamente alla scansione del provvisorio modificato, veniva messa in produzione una terza protesi provvisoria, per effettuare un ulteriore controllo dinamico in sede intraorale.

62a

62b

62c

62d

62e

62f

Dopo aver completato lo studio del caso, aver verificato la corretta funzionalità del progetto protesico ed aver individuato le aree di emergenza ideali degli elementi dentari di sostituzione, si procedeva alla pianficazione implantare del caso mediante software coDiagnostiX. Venivano pianificati 6 impianti di tipo Straumann Roxolid SLActive Bone Level per chirurgia guidata, 3 con diametro di 3.3 mm e 3 con diametro di 4.1 mm.

62f1

62f2

62f3

62f4

62f5

62f6

62f7

62f8

62f9

62f10

Una volta completata la pianificazione implantare, la dima chirurgica, prodotta con una stampante 3D (DWS), veniva utilizzata per la produzione della protesi provvisoria avvitata a carico immediato.

62g

62h

62i

I mounters implantari per chirurgia guidata bloccati dai relativi chiavini in base alle informazioni fornite dalla dima chirurgica e avvitati agli analoghi implantari da laboratorio sono stati utilizzati con un sistema di duplicazione (Transformer) per fabbricare il modello master. I cilindri provvisori sono stati avvitati agli analoghi su tale modello e, successivamente, scansionati ed importati in ambiente digitale. Il modello di lavoro digitale è stato sovrapposto al progetto protesico precedentemente verificato in sede intraorale ed i tessuti mucosi sono stati modificati in base alle convenzionali procedure di modellazione dei tessuti molli su gesso.

62j

62k

62l

62m

62p

62o

62q

62r

62s

62t

62u

62v

62w

62x

62y

62z1

62z2

62z3

62z4

62z5

63

63a

63b

Una volta completata la progettazione digitale, è stata prodotta la protesi provvisoria CAD-CAM in PMMA multi-layer (Anaxdent) per il carico immediato.

63c

63d

63f

Tale provvisorio è stato forato in corrispondenza dei cilindri protesici ed è stato solidarizzato a questi ultimi mediante una minima quantità di composito fluido.

63g

63h

63i

63j

63k

63l

63m

63n

63o

63p

63q

La dima chirurgica è stata forata nelle aree di infiltrazione dell’anestesia plessica, in modo da somministrare l’anestesia con la mascherina in situ ed evitare rigonfiamenti mucosi che avrebbero potuto destabilizzare la mascherina operatoria ed inficiare la precisione dell’intervento pianificato.

64

71

69

70

75

76

77

La dima è stata, poi, stabilizzata ai monconi protesici mediante minimi apporti di resina acrilica a freddo.

72

73

74

A seguito delle mucotomie, gli opercoli mucosi sono stati asportati rimuovendo la dima chirurgica.

78

79

80

81

82

83

Successivamente, l’intervento è stato eseguito seguendo la sequenza di fresatura programmata in fase di pianificazione chirurgica, utilizzando un kit dedicato Straumann per chirurgia guidata. La posizione corono-apicale di ciascuna fresa è stata controllata tramite manici guida con ingaggio nelle sleeves. Tale strumentario è dotato di codifica colori e simboli di riferimento. Il sistema prevede la possibilità di stabilizzare ulteriormente la dima chirurgica mediante appositi perni di fissaggio che vanno inseriti nei siti implantare dopo la loro preparazione e prima dell’inserimento delle fixtures. Al termine delle osteotomie, si è proceduto all’irrigazione con soluzione fisiologica di ciascun sito implantare e gli impianti sono stati avvitati manualmente con chiavino dinamometrico.

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

Durante la fase si avvitamento, si è rilevata una scarsa qualità ossea in regione 26, a causa della quale l’impianto pianificato non raggiungeva una ottimale stabilità primaria. Di conseguenza, si è proceduto alla rimozione della fixture ed al posizionamento di un impianto di tipo Straumann Roxolid SLActive TE da 4.8 mm che continuava ad avere una scarsa stabilità primaria; pertanto, si decideva di non caricare immediatamente l’impianto in posizione 26.

Dopo aver completato il posizionamento degli impianti, gli elementi dentari residui in arcata sono stati estratti ed il provvisorio a carico immediato è stato avvitato sulle fixtures fino al raggiungimento del fondo corsa. Il corretto accoppiamento implanto-protesico è stato verificato mediante radiografie periapicali standardizzate. Tutti i cilindri hanno raggiunto il corretto fit senza fratturare il composito fluido di stabilizzazione, a testimonianza di una ottimale affidabilità della pianificazione protesica.

95

96

97

97b.pg

Dei tutori metallici sono stati inseriti nei fori di accesso alle viti, prima di procedere al bloccaggio con composito fluido, per evitare che la resina potesse impegnarsi al loro interno rendendo difficoltoso lo svitamento della protesi.

La porzione mucosa dei tubolari protesici è stata ribasata con composito fluido e rifinita extraoralmente, facilitando le procedure protesiche e riducendo al minimo il discomfort della paziente.

98

99

100

101

102

103

104

Come riportato precedemente, a causa di una qualità ossea insoddisfacente, l’impianto in posizione 26 non è stato caricato. Pertanto, si è proceduto alla rimozione del cilindro protesico, al suo riempimento con composito fluido ed alla relativa lucidatura.

105

106

108

109

110

112

113

115

116

117

118

Il provvisorio è stato avvitato immediatamente dopo l’intervento chirurgico e l’occlusione è stata attentamente controllata e bilanciata. L’integrazione estetica e funzionale è stata ottimale, con piena soddisfazione della paziente.

119

Ad un controllo dopo 3 mesi dall’intervento, la protesi è stata svitata, evidenziando una valida guarigione ed un soddisfacente condizionamento iniziale dei tessuti mucosi.

Il controllo occlusale non ha evidenziato variazione significative nei contatti di centrica e lateralità.

122

123a

123b

123c

123d

123e

 

CONCLUSIONI

La chirurgia guidata ha confermato le ormai ben note caratteristiche di precisione e riduzione dei tempi alla poltrona, con una eccellente compliance da parte della paziente ed un decorso post-operatorio pressochè asintomatico.

L’adattamento protesico si è rivelato ottimale, consentendo di impiegare una ormai consolidata tecnica di ribasatura e rifinitura extraorale che facilita le procedure cliniche e tecniche e riduce in modo significativo il discomfort dei pazienti.

La progettazione protesica in ambiente digitale richiede attenzione e perizia sia da parte dei clinici che del laboratorio odontotecnico; a fronte di tempi di lavorazione significativi e di costi ancora importanti, tuttavia, va sottolineato che la possibilità di eliminare molti passaggi convenzionali (come ad esempio le impronte di verifica e le registrazioni intermascellari) riduce il lavoro alla poltrona e migliora siginificativamente la collaborazione dei pazienti.

Seppur puramente soggettiva e speculativa, la comparazione tra gli strumenti analogici e quelli digitali si è rivelata completamente soddisfacente.

La stampante 3D (DWS) utilizzata per la realizzazione del caso presentato si è rivelata valida e precisa, riducendo nettamente i tempi di lavorazione e mostrando una resistenza strutturale della dima chirurgica pienamente soddisfacente, a fronte di 2 fratture intraoperatorie della mascherina evidenziate in precedenti interventi chirurgici eseguiti con la sistematica Dental Wings.

Oltre ad una maggiore affidabilità riscontrata utilizzando la stampante 3D (DWS) rispetto alla sistematica Dental Wings consigliata dalla Straumann, i tempi di consegna della dima sono risultati nettamente ridotti.

Per quanto riguarda invece l’insufficiente stabilità primaria dell’impianto 26, gli autori hanno già riscontrato tale problematica con l’utilizzo di impianti Bone Level in chirurgia guidata. Ciò è dovutoal fatto che, quando si esegue la preparazione del sito implantare attraverso la mascherina chirurgica, non si ha alcuna percezione della qualità ossea e ciò non permette di decidere, ad esempio, di sottopreparare il sito. Con la commercializzazione dei nuovi impianti Bone Level Tapered (BLT), non disponibili al momento dell’intervento, gli autori ritengono che molti di questi problemi relativi alla stabilità primaria potranno essere facilmente risolti.

 

PRESTO PUBBLICHEREMO UN ARTICOLO CON LA CONCLUSIONE DEL CASO…

 

BIBLIOGRAFIA

– Lewis RC, Harris BT, Sarno R, Morton D, Llop DR, Lin WS. Maxillary and mandibular immediately loaded implant-supported interim complete fixed dental prostheses on immediately placed dental implants with a digital approach: a clinical report. Journal of Prosthetic Dentistry, 2015;114(3):315-322.

– Gallucci GO, Finelle G, Papadimitriou DE, Lee SJ. Innovative approach to computer-guided surgery and fixed provisionalization assisted by screw-retained transitional implants. International Journal of Oral and Maxillofacial Implants, 2015;30(2):403-410.

– Giordano M, Ausiello P, Martorelli M, Sorrentino R. Reliability of computer designed surgical guides in six implant rehabilitations with two years follow-up. Dental Materials, 2012;28(9):e168-e177.

Riabilitazione di edentulia mascellare con chirurgia implantare computer-guidata e protesi provvisoria a carico immediato ultima modifica: 2015-10-01T13:35:16+00:00 da Fabio Cozzolino
 

7 Commenti

Gianfranco paolini

about 2 anni ago

Complimenti vivissimi per l'eccellente caso veramente didattico. Il provvisorio però mi sembra non sufficientemente sicuro in quanto certamente in questo caso parzialmente edentulo nel mandibolare in teoria potrebbe sopportare bene il carico ma nel caso fosse caricato da denti naturali potrebbe fratturasi sfavorevolmente attivando forze importanti su qualche impianto . Rilevate il torque di inserimento per stabilire l'entità eventuale della stabilita implantare ? grazie per l'eccezionale lavoro che rendete disponibile a tutta la comunita .cordiali saluti

Rispondi
Amministratore Zerodonto

Amministratore Zerodonto

about 2 anni ago

Gentile Dott. Paolini, grazie per l'interesse mostrato per il caso in oggetto. Il provvisorio è in PMMA, pertanto, da letteratura, sufficientemente resistente, in condizioni standard, per supportare anche il carico di un'arcata dentaria completa come antagonista. In questo caso specifico, i valli in cera sono stati modellati secondo un piano occlusale ideale dal momento che la paziente, subito dopo l'intervento mascellare, si è sottoposta a quello all'arcata mandibolare. In quanto al torque implantare, utilizziamo sempre un chiavino dinamometrico per il posizionamento delle fixtures.

Rispondi

WILLIAM

about 2 anni ago

COMPLIMENTI! Da questo lavoro traspare una cosa che abbiamo in comune : la passione, l'amore per il lavoro. Purtroppo al sottoscritto mancano le capacità cliniche e professionali per ottenere risultati di questo genere .

Rispondi

terrachini paolo

about 2 anni ago

Complimenti caso bellissimo.Praticamente siete riusciti a far accettare un piano implantare impegnativo con una tecnica flapless poco impegnativa per la paziente.Io non ho questa fiducia nella tecnica con le mascherine e non lo ha neanche la letteratura internazionale che stima un misfit di 1,2 mm. tra la posizione digitale e quella reale degli impianti.Per questo sono rimasto veramente stupito che abbiate attaccato la protesi ai monconi non in bocca ma sul modello per evitare trazioni spiacevoli.Che dire finalmente una tecnica ultra precisa.

Rispondi

Roberto Sorrentino

about 2 anni ago

Caro Paolo, grazie per l'interesse mostrato per il caso che abbiamo presentato. I sistemi di pianificazione digitale e le indagini radiologiche divengono ogni giorno più performanti ma, senza dubbio, il rischio di imprecisioni esiste e va tenuto presente da un punto di vista clinico. La tecnica che abbiamo mostrato è frutto di svariate esperienze pregresse nel corso delle quali abbiamo più volte riscontrato le imprecisioni riportate in letteratura. La ribaditura semi-indiretta permette oggi di realizzare un provvisorio a carico immediato con una buona predicibilità. Ad ogni modo, è sempre opportuno applicare con raziocinio i principi della protesi implantare tradizionale, in modo da poter gestire ogni eventuale complicanza.

Rispondi

giovanni evangelista

about 2 anni ago

Spett.le dottore mi presento: evangelista giovanni odontotecnico in Napoli. Da diversi anni mi occupo di Columbus bridge e Toronto in genere, il caso è molto bello e complesso e ottimamente finalizzato ma per quanto mi riguarda l'esperienza mi insegna che nel carico immediato è sempre indicato una struttura rigida in co-cr per solidarizzare gli impianti e funziona come un tutore in ortopedia. Il provvisorio in PMMA è comunque fondamentalmente plastica, anche se molto resistente, e non puo' avere la rigidità di una sottostruttura in co-cr. Buon lavoro e cordiali saluti

Rispondi

Roberto Sorrentino

about 2 anni ago

Gentile Sig. Evangelsita, innanzitutto grazie per l'interesse per il nostro lavoro. A fronte della sua osservazione, pur avendo utilizzato per anni rinforzi metallici per splintare gli impianti tra loro in caso di restauri provvisori a carico immediato e pur continuandolo a fare in situazioni a rischio biomeccanico, ultimamente la più recente letteratura (che riporto di seguito) ha dimostrato che le resine frenabili CAD-CAM sono più che sufficienti per garantire la stabilità degli impianti durate la fase di guarigione.Int J Oral Maxillofac Implants. 2008 Sep-Oct;23(5):867-75. Immediate functional loading of implants placed with flapless surgery versus conventional implants in partially edentulous patients: a 3-year randomized controlled clinical trial. Cannizzaro G1, Leone M, Consolo U, Ferri V, Esposito M.Mater Sci Eng C Mater Biol Appl. 2014 May 1;38:306-14. doi: 10.1016/j.msec.2014.02.021. Epub 2014 Feb 21. Non-linear 3D finite element analysis of full-arch implant-supported fixed dentures. Ferreira MB1, Barão VA2, Delben JA3, Faverani LP4, Hipólito AC1, Assunção WG1.J Oral Implantol. 2014 Apr;40(2):161-8. doi: 10.1563/AAID-JOI-D-11-00188. Finite element analysis of provisional structures of implant-supported complete prostheses. Carneiro BA1, de Brito RB Jr, França FM.

Rispondi

Lascia un commento

Lascia replica a Roberto Sorrentino oppure Cancella replica

Si prega di essere corretti. I commenti educati saranno apprezzati.
Gli indirizzi email non saranno pubblicati. I campi marcati sono obbligatori.