Odontotecnica

02/05/14
Estetica in Protesi Totale Rimovibile
Carlo Montesarchio


Introduzione rivolta ai pazienti che approdano in questa pagina: Il contenuto degli articoli presenti in questa categoria è un contenuto scientifico rivolto ad un pubblico di professionisti del settore. Pertanto si utilizza un linguaggio tecnico e le immagini sono spesso forti e possono urtare la sensibilità di un pubblico non settoriale.

L’odontotecnica è una disciplina che si occupa della realizzazione materiale dei manufatti dentali protesici grazie ai quali l’odontoiatra potrà ripristinare la funzionalità della bocca, l’armonia del sorriso e del volto del paziente.

La costruzione delle protesi dentarie è affidata a un professionista specializzato che in base alle direttive del dentista e alle impronte dentali del paziente, realizza su misura l’elemento artificiale che sostituirà uno più denti naturali.

L’odontotecnico quindi non è un dentista, come molti ancora sono portati a pensare confondendosi con la figura dell’odontoiatra, di conseguenza non è autorizzato a operare in alcun modo nella bocca del paziente.

Questo professionista può solamente collaborare da dipendente o in autonomia dallo studio dentistico, svolgendo il suo operato in laboratori dedicati e dotati di tutte le apparecchiature digitali (o meno) necessarie allo sviluppo della protesi dentaria.

Per svolgere la professione di odontotecnico, è necessario seguire corsi specifici della durata di tre anni o più. Al termine del triennio, chi vuole può sostenere un esame per conseguire il diploma di Operatore meccanico del settore odontotecnico, qualifica che consentirà di esercitare solo come dipendente.

Chi è interessato al lavoro autonomo e ad aprire un proprio laboratorio dovrà invece completare l’intero ciclo di studi e sostenere l’esame per l’abilitazione all’esercizio della professione.

Estetica in Protesi Totale Rimovibile

Estetica in Protesi Totale Rimovibile

Dal portaimpronte al manufatto protesico: tecniche per la realizzazione

La perdita degli elementi dentari è percepita dai pazienti come un netto peggioramento della qualità di vita. Benchè negli ultimi anni la prevenzione odontoiatrica abbia raggiunto livelli sempre più confortanti, l’allungamento della vita media si associa spesso ad un aumento dell’incidenza delle malattie parodontali e della perdita di supporto dentario, causando con il tempo una condizione di edentulia totale. Il superamento dei problemi che il paziente edentulo pone nell’ambito della riabilitazione richiede allo specialista di esercitare tutta la sua perizia e stimola la ricerca nel campo di materiali e tecniche innovative. Ogni fase sia clinica che tecnica, infatti, va eseguita nel rispetto di concetti tradizionali, dall’estensione dell’area basale alla precisone dell’interfaccia tra tessuti molli e superficie d’impronta della protesi, dalla funzionalizzazione del bordo alla modellazione del corpo protesico, da una corretta e fisiologica determinazione dei rapporti maxillo-facciali orizzontali e verticali ad un ottimale montaggio dei denti artificiali.