L’irrigazione canalare nell’Endodonzia moderna: Casi semplici

L’irrigazione canalare nell’Endodonzia moderna: Casi semplici

 

Segue l’articolo :

L’IRRIGAZIONE CANALARE NELL’ENDODONZIA MODERNA: Casi complessi

Dr. Filippo Santarcangelo, Dr Arnaldo Castellucci

Perchè irrighiamo?

Il successo di un trattamento endodontico in accordo con quanto enunziato dal Prof.Schilder, padre della moderna Endodonzia, dipende dall’abilità dell’operatore nel detergere meccanicamente e chimicamente il sistema dei canali radicolari e poi nell’otturarlo tridimensionalmente . 1

L’endodonto si compone di spazi facilmente accessibili agli strumenti rotanti e manuali (canali principali) e, così come confermato da numerosi studi clinici ed istologici, di spazi difficilmente accessibili o del tutto inaccessibili (delta, anse, istmi, canali laterali ed accessori e tubuli dentinali) .

In modo particolare, canali laterali ed accessori si ritrovano con frequenza significativa soprattutto nel terzo apicale della radice e nelle forcazioni dei molari.

La sagomatura canalare non è in grado di raggiungere alcune aree che risultano non toccate dagli strumenti, indipendentemente dalla tecnica adoperata ; e quasi metà dell’endodonto rimane, dunque, non trattato.2

La complessità dell’endodonto può essere, perciò, uno dei fattori determinanti l’insuccesso della terapia canalare e possono andarvi incontro anche elementi dentari ben trattati, a causa degli spazi irregolari e talora imprevedibili che caratterizzano i canali radicolari .3-4

Alla luce di quanto detto, una delle sfide più entusiasmanti dell’endodonzia moderna è rappresentata dalla detersione biochimica dell’endodonto (sondabile e non); questo, una volta deterso lege artis, potrà in egual modo essere riempito e sigillato da cemento e guttaperca al momento dell’otturazione.

L’irrigazione dunque riveste un ruolo cruciale nel determinare l’esito della terapia canalare.


Quali irriganti adoperare? Una scelta basata sull’evidenza scientifica.

Ricordo che ai tempi dell’università , accompagnai mio padre dal suo dentista, dato che si doveva sottoporre ad una terapia canalare . Mi colpì particolarmente il fatto che freneticamente alternasse lavaggi di amuchina a lavaggi di acqua ossigenata, e gli chiesi il perché di questa procedura.

Mi rispose che così gli era stato insegnato, senza motivare in maniera critica la sua scelta.

In ogni campo della medicina l’operato del clinico deve seguire la logica e deve essere supportato dalla letteratura.

Dunque, per operare una scelta razionale degli irriganti bisogna prima rispondere a questa domanda: ”che cosa vogliamo rimuovere dai canali?”

La risposta è semplice, vogliamo sbarazzarci di tessuto organico (polpa), batteri e tossine, ed inoltre dei detriti organici e di quelli inorganici che inevitabilmente i nostri strumenti, manuali e rotanti producono.

A questo punto la scelta sarà facile e naturale.

La letteratura ha ormai evidenziato come l’irrigante canalare di elezione sia l’ipoclorito di sodio alla concentrazione consigliata del 5.25% in quanto in grado di dissolvere la sostanza organica ed eliminare la carica batterica ed il biofilm all’interno dei canali. 5-10

La completa detersione viene realizzata associando una sostanza in grado di eliminare la componente inorganica creatasi dopo la strumentazione, pertanto è necessario utilizzare una sostanza chelante del calcio quale l’EDTA al 17% o l’Acido citrico al 10% . 11-14

La clorexidina in soluzione acquosa al 2% è stata suggerita per l’azione irrigante del sistema dei canali radicolari. Essa offre un potere antibatterico, ma è sprovvista di azione solvente del materiale organico ed inorganico. 15-16

Inoltre mescolare Ipoclorito di sodio e clorexidina genera un composto tossico e cancerogeno definito paracloroanilina: il suo utilizzo come irrigante canalare pertanto non è raccomandabile. 17

 

Come irrigare?

Purtroppo ancora oggi la detersione biochimica è la parte della terapia canalare la cui importanza è meno riconosciuta e sotto-stimata dalla maggior parte dei clinici, e prova ne è il fatto che molti colleghi , per la maggior parte dentisti generici, sono soliti irrigare con comuni siringhe ed aghi da iniezione intra -muscolare. (FIG 1)

FIG 1: Molti tuttora irrigano così…

 

FIG N 1

Data la grossa taglia degli aghi, questi si affacciano al massimo all’imbocco canalare e dunque l’irrigazione si riduce ad un semplice ricambio di irriganti in camera pulpare.

Al contrario le soluzioni irriganti dovrebbero bagnare per intero il sistema dei canali radicolari ed è auspicabile che detergano quelle aree che i nostri strumenti non sono in grado di raggiungere.

Così facendo, nella fase di otturazione, la guttaperca resa plastica dal calore può riempire quegli spazi resi pervi dagli irriganti.

Come un chirurgo asporta per intero una area infetta ed infiammata così noi dovremmo trattare per intero il sistema dei canali radicolari e gli irriganti dunque sono il prolungamento delle nostre mani e dei nostri strumenti.

Se ammettiamo dunque l’importanza della irrigazione dobbiamo ammettere che essa non può essere improvvisata e necessita di strumenti dedicati e tecnologicamente avanzati.

Esistono essenziale due filosofie.

La prima si basa su sistemi tradizionali a pressione positiva, che spingono gli irriganti nei canali a mezzo di siringhe ed aghi dedicati dai design più svariati. 18

La seconda, al contrario, impiega i nuovi sistemi a pressione negativa in cui l’irrigante rilasciato in camera pulpare viene richiamato all’interno del canale per aspirazione grazie ad una microcannula aspirante. 19-21

Qualsiasi sia la tecnica adoperata, tanto più prossimo al forame apicale è il rilascio degli irriganti tanto maggiore sarà la qualità della detersione.

Per quanto tempo irrigare?

Con l’avvento del NI-TI in endodonzia è ormai possibile sagomare un canale in pochi minuti ma questo non significa che i canali siano già pronti per essere otturati e sbagliano tutti coloro che frettolosamente otturano al termine della sagomatura, by-passando la fase di irrigazione canalare o praticandola senza dedicarvi tempo a sufficienza.

Numerosi fallimenti attualmente sono dovuti paradossalmente alla velocità della sagomatura, al termine della quale non segue un tempo adeguato di irrigazione.

Al contrario è ragionevole e proficuo investire il tempo risparmiato grazie alle veloci sagomature eseguite con strumenti in nickel-titanio, in manovre di detersione biochimica che innalzeranno la qualità del trattamento canalare.

Probabilmente in virtù delle molteplici variabili legate all’operatore, all’anatomia canalare e alle proprietà fisico-chimiche dell’ irrigante in letteratura non abbiamo indicazioni precise sui tempi da dedicare all’irrigazione. 22

Piuttosto a guidarci sono i pareri dei clinici più illuminati.

Il dott. Buchanan ci ricorda che: “Perchè l’ipoclorito di sodio sia efficace è richiesto un contatto diretto dello stesso con le pareti canalari al termine della sagomatura di circa 20-40 min al fine disinfettare e dissolvere il tessuto organico ancora presente”. 23

Mi piace in conclusione ripetere questo concetto: anche se è venerdì pomeriggio, stai trattando l’ultimo paziente, hai la mente rivolta al week-end e la sagomatura è stata particolarmente facile e veloce, resisti alla tentazione di otturare immediatamente i canali se prima non li hai irrigati a sufficienza.

Perciò passeggia per lo studio, fai un po’ di stretching, gusta un buon espresso, oppure perché no, telefona a colleghi ed amici, rispondi alle mail….e stai sereno che gli irriganti stanno lavorando per te all’interno dei canali!

Dai fallimenti si impara!

Dieci anni fa uno fra i miei amici più cari accusò un forte dolore localizzato all’ incisivo laterale superiore sinistro, così lo ricevetti in studio in urgenza.

Si trattava di una periodontite apicale acuta e l’esame radiografico evidenziò un precedente trattamento canalare incongruo che raggiungeva a stento la metà della radice ed una piccola radiotrasparenza periapicale.

Decidemmo di programmare il ritrattamento per il giorno successivo.

Fin dall’inizio mi resi conto che Il canale era molto largo e fortunatamente pervio sotto la vecchia otturazione perciò determinare la corretta lunghezza di lavoro e sagomare per intero il canale risultò essere molto semplice e veloce.

Si trattava probabilmente di uno dei casi più facili mai capitatimi fino ad allora, così Irrigai frettolosamente con ipoclorito di sodio nella convinzione, errata , che l’irrigante in un canale così ampio potesse esplicare la sua azione di disinfettante con altrettanta rapidità.

Dopodiché, otturai verticalmente a caldo con guttaperca e cemento.

Sei anni dopo il mio amico si presentò un mattino in studio con viso gonfio e dolorante a causa di un ascesso a carico dello stesso incisivo, il quale all’esame rx mostrava una radiotrasparenza 5 volte più grande rispetto a quella presente prima del mio trattamento. (FIG 2)

Nonostante la mia otturazione canalare sembrasse perfettamente in apice, il caso era miseramente fallito ed allora, cosa poteva essere accaduto?

Poco il tempo dedicato all’irrigazione?

Deficitaria la penetrazione degli irriganti nel terzo apicale?

FIG 2: RX pre-operatoria in cui si evidenzia ,nonostante l’otturazione sembri correttamente eseguita, una grossa lesione periapicale e di dimensioni maggiori rispetto a sei anni prima.

FIG N 2

Enormemente deluso e dispiaciuto gli prescrissi antibiotici e una settimana dopo ritrattai nuovamente il dente.

Una volta rimossa la guttaperca vidi che i miei strumenti rotanti rimuovevano dalle pareti canalari detriti di colore grigio scuro a dimostrazione della inadeguata precedente detersione. (FIG 3)

Questi detriti probabilmente impedivano a guttaperca e cemento di sigillare tridimensionalmente il canale.

FIG 3: Gt rotary 40-08 con spire cariche di detriti infetti.

FIG N 3

Data la precedente esperienza questa volta dedicai alla detersione biochimica gran parte del tempo del ritrattamento ma soprattutto veicolai e rinnovai gli irriganti fino al forame grazie ad una microcannula aspirante posizionata alla piena lunghezza di lavoro e dunque praticando una tecnica di irrigazione a pressione negativa. (FIG 4)

In questo tipo di tecnica l’irrigante depositato in camera pulpare viene richiamato dalla microcannula all’interno del canale e fino alla punta della stessa microcannula.

FIG 4: Determinazione della lunghezza di lavoro. Come verificatore è stata adoperata una microcannula in acciaio (essendo cava è meno radio-opaca di un k-file) a dimostrazione del fatto che l’irrigazione è stata praticata fino al forame ed in modo sicuro(safe), tattandosi di una tecnica a pressione negativa.

FIG N 4

Il caso fu poi concluso con otturazione verticale a caldo.

Il controllo rx effettuato ad un anno mostrò un netto miglioramento e il controllo a tre anni la guarigione. (FIG 5-7)

FIG 5 : Otturazione verticale a caldo

FIG N 5
FIG 6 : controllo ad un anno: netto miglioramento con riduzione della radiotrasparenza
FIG N 6
FIG 7 : controllo a tre anni. Il caso è guarito. (resolution)
FIG N 7

Questo caso dimostra come sia una strategia intelligente investire un tempo adeguato nell’irrigazione ed inoltre sia importante arricchire l’armamentario endodontico con le nuove tecnologie dedicate all’irrigazione.

Mi piace definire l’irrigazione endodontica “tempo e tecnologia-dipendente”!

 

Come potenziare l’irrigazione? Alla ricerca dello strumento ideale…

La letteratura dimostra che se l’ipoclorito al 6% è posto a diretto contatto per un tempo adeguato ed in adeguati volumi con la polpa è in grado di digerirla completamente e lo stesso può fare nei confronti di batteri (anche sotto forma di biofilm), virus e spore, distruggendoli.

Analogamente un chelante del Calcio come l’Edta al 17% è dimostrato essere perfettamente in grado di rimuovere la componente inorganica dai canali.

Allora perché potenziare gli irriganti?

Le tecniche di potenziamento come ultrasuoni o subsuoni, vengono spesso proposte da alcuni clinici e ricercatori per permettere in primis di accelerare e migliorare le reazioni biochimiche fra irrigante e substrato e in secondo luogo per mobilizzarli dato il timore che l’irrigante non raggiunga l’intera superficie canalare compreso l’endodonto non sondabile.

Allo stato attuale esistono apparecchiature dedicate alla detersione come aghi sottili e flessibili o microcannule aspiranti, dunque la distribuzione delle soluzioni irriganti per l’intera lunghezza canalare non può essere considerato un problema; la questione da risolvere è un’altra.

L’intimo contatto fra pareti canalari e irriganti è impedito da quel film di detriti che si depone sulle pareti dopo la sagomatura per effetto dei nostri strumenti.

Gli irriganti prima di arrivare a diretto contatto con le pareti canalari devono” lavorare parecchio” per sciogliere questo strato di detriti; ed allora se vi fosse uno strumento che velocemente lo distaccasse consentiremmo immediatamente ai nostri irriganti di agire a livello della superficie canalare ormai “nuda”.

Questo strumento dovrebbe fra l’altro agire a livello delle pareti canalari senza produrre altri detriti…

Faccio ora una rapida digressione.

Un esempio lampante di ergonomia sono le casalinghe: devono svolgere numerose mansioni ,lo devono fare bene e nel minor tempo possibile.

Fra le varie cose da fare, devono lavare i piatti e tegami sporchi rimuovendovi il grasso presente sulle superfici: dunque non si limitano a depositarvi un detersivo aspettando che agisca, ma grattano con spugne e spazzole sulle superfici per permettere al prodotto di agire con efficacia.

Analogamente noi endodontisti non dovremmo semplicemente depositare l’ipoclorito nei canali aspettando che miracolosamente rimuova la patina di detriti dalle pareti,le disinfetti e penetri infine nei canali laterali, nei delta apicali e nei tubuli dentinali!

Ecco perché nella mia pratica quotidiana ho sentito il bisogno di introdurre delle spazzole canalari che costruisco da me ,utilizzando aghi da irrigazione (FIG 8) dotati di setole che monto appositamente su comodi manici in silicone identici a quelli dei k-file al fine di averne un migliore controllo. (FIG 9 -10- 11)

Al termine della sagomatura ,sia durante i lavaggi con ipoclorito sia con edta, muovo questi spazzolini “artigianali” in su e giù e con movimento di spazzolamento, per mettere in sospensione ciò che è spalmato sulle pareti canalari.

Da un punto di vista clinico il tutto mi dà grande soddisfazione, perchè ho notato che le soluzioni irriganti si intorpidiscono dopo questo brushing, a dimostrazione della mobilizzazione dei detriti e dunque della bontà della metodica.

FIG 8 : ago dedicato all’irrigazione munito di setole: con un disco da laboratorio rimuovo gli ultimi due millimetri che sono privi di setole, rimuovo l’attacco in plastica e poi lo monto su un manico in silicone.

FIG N 8
FIG 9: spazzola endodontica
FIG N 9
FIG 10: particolare delle setole utili a mobilizzare i detriti spalmati sulle pareti.
FIG N 10
FIG 11: la spazzola ha un’anima in acciaio , dunque è possibile pre-curvarla
FIG N 11

LIMITANTI ANATOMICHE

Le difficoltà in endodonzia sono in genere negli ultimi millimetri del canale e cioè nel terzo apicale dove, giova ricordarlo, sono localizzate più del 90% delle porte di uscita.

Il terzo apicale è di per se stesso stretto e profondo, dunque deve essere adeguatamente raggiunto dalle soluzioni irriganti.

Ma non è tutto.

Uno degli imperativi dell’irrigazione.endodontica. è il rinnovamento degli irriganti in profondità , nel terzo apicale.

Infatti a causa del noto potere tampone della dentina, l’irrigante col passare del tempo, perde la propria efficacia e dunque risulta indispensabile rinnovarlo.

Acclarate dunque la necessità non solo di portare ma anche di rinnovare le soluzioni irriganti nel terzo apicale a complicare le cose arriva l’anatomia.

L’anatomia detta limitazioni ad ogni parte del trattamento canalare, irrigazione compresa.

Le difficoltà infatti aumentano se il terzo apicale si trova in cima ad un canale lungo oppure stretto o peggio ancora dopo una curva.

In altre parole in queste anatomie così come risultano più difficoltose la sagomatura e l’otturazione allo stesso modo risulta più difficoltosa l’irrigazione.

Il successo del trattamento in questi casi dipende proprio dalla abilità dell’operatore di sagomare ,detergere ed otturare per intero il canale radicolare nonostante questo possa essere stretto, curvo o lungo. (FIG 12-19)

FIG 12: Molare inferiore pilastro di ponte in periodontite apicale acuta: si noti la radiotrasparenza periapicale.

FIG N 12

FIG 13: La radice distale presentava curva improvvisa negli ultimi 3 mm, perciò la sagomatura del terzo apicale è stata effettuata solo con strumenti manuali; prima i k.files, poi i GT .manuali sono stati precurvati con l’Endobender, pinza che consente di effettuare precurvature senza danneggiare le lame degli strumenti.
FIG N 13
FIG 14 e 15: foto endobender che curva strumenti e microcannula
FIG N 14
FIG N 15

Analogamente agli strumenti canalari, possono essere precurvati gli aghi da irrigazione al fine di seguire le curve e depositare gli irriganti anche in queste anatomie complesse.

In questo caso è stata pre-curvata una microcannula aspirante al fine di alloggiarla al forame;

questa, lavorando per pressione negativa richiamerà gli irriganti attraverso la curva e fino in apice senza rischi di estrusione pericolosa degli stessi nei tessuti periapicali.

FIG 16: Microcannula radiografata in apice nella radice distale. Si noti il grado di curvatura degli ultimi millimetri.

FIG N 16

FIG 17: otturazione verticale a caldo.
FIG N 17
FIG 18: controllo ad un anno , proiezione obliqua, il caso è guarito.
FIG N 18
FIG 19: controllo ad un anno, proiezione ortoradiale , non si evidenziano radiotrasparenze.
FIG N 19

PROTOCOLLO PREDICIBILE DI IRRIGAZIONE

1) Prima di introdurre qualsiasi strumento nei canali e dunque dopo l’apertura di camera pulpare bisogna lavare con ipoclorito di sodio al 5,25%

2) Asciugare poi gli eccessi di ipoclorito in camera pulpare e introdurre gel di EDTA che ha funzione di lubrificante ed agevola la strumentazione manuale.

Altra sua importante funzione è prevenire che il tessuto pulpare tappi il canale, compattandosi su se stesso una volta spinto dagli strumenti.

3) Irrigare copiosamente con ipoclorito di sodio dopo ogni strumento rotante.

4) Al termine della sagomatura asciugare e procedere ad un lavaggio con EDTA 17% LIQUIDO x 5 minuti. (lo rinnovo ogni due minuti).

5) Asciugare e fare abbondanti lavaggi finali con ipoclorito; rinnovarlo frequentemente e in profondità.

6) Attenzione a segni clinici che farebbero propendere per un aumento dei tempi di irrigazione.

Lo sviluppo di bollicine all’interno della soluzione di ipoclorito potrebbe indicare una attività di “digestione” dei residui organici ancora in corso e richiedere un aumento del tempo di permanenza dello stesso irrigante nel canale.

Analogamente se in fase di asciugatura notassimo sui coni di carta piccole macchie rosse indice di sanguinamento “ laterale” dovuto a polpa ancora presente nell’endodonto non sondabile, sarebbe utile prolungare l’irrigazione. (FIG 20-25)

FIG 20: canino superiore in pulpite

FIG N 20

FIG 21: k-file0-20 alla lunghezza di lavoro
FIG N 21
FIG 22: il cono carta sporco di sangue lateralmente al termine della terapia mi fa sospettare la presenza di canali laterali e mi spinge a prolungare l’irrigazione.
FIG N 22
FIG 23: guttaperca calda e cemento riempiono l’intero sistema canalare confermando la complessità dell’anatomia.
FIG N 23
FIG 24: back-packing
FIG N 24
FIG 25: controllo a 6 mesi; non si evidenziano radiotrasparenze.
FIG N 25

7) Prima di asciugare i canali pratico una tecnica di riscaldamento intracanalare con la finalità di accelerare la digestione di residui organici eventualmente presenti.

Con le punte più sottili del System-B , cercando di evitare il più possibile il contatto con le pareti canalari riscaldo l’ipoclorito a 200 per 3 secondi e lo faccio per 4-5 volte, mentre la mia assistente ne aspira i vapori.

Ritengo particolarmente utile tale tecnica per digerire quei detriti organici che possono residuare fino al termine del trattamento canalare per esempio a livello delle confluenze canalari e nelle irregolarità delle complesse anatomie c-shaped. 24

8) Disidratare con un lavaggio di alcool assoluto e asciugare con coni di carta.

 

Conclusioni:

Dedicarsi con pazienza e scrupolo alle manovre di detersione innalza la qualità dell’intero trattamento e pone solide basi per il successo finale dello stesso.

La detersione biochimica di grosse aree non raggiungibili dagli strumenti come le anastomosi è la prova dell’efficacia del protocollo proposto; infatti queste ampie aree di congiunzione fra i canali ,prima del trattamento, sono piene di residui organici e batteri; grazie agli irriganti avviene il completo svuotamento delle stesse e nella successiva fase di otturazione verticale a caldo si ha il riempimento tridimensionale con guttaperca e cemento. (FIG 26-29)

FIG 26: Secondo molare inferiore trattato per pulpite. All’esame radiografico si evince la presenza di una grossa anastomosi fra la porzione mesiale e quella distale del canale a “C”.

FIG N 26

FIG 27: Secondo premolare superiore trattato per pulpite. La radiografia mostra anastomosi fra I due canali a livello di terzo medio e terzo apicale.
FIG N 27
FIG 28: Ritrattamento di secondo premolare superiore per periodontite apicale acuta. La radiografia post-operatoria mostra anastomosi a livello del terzo medio e apicale ed in aggiunta, una anatomia molto irregolare riempita con guttaperca e cemento.
FIG N 28
FIG 29: La radiografia mostra un secondo molare inferiore con lunghissime anastomosi fra porzione mesiale e distale.
FIG N 29


BIBLIOGRAFIA
1. Schilder H. Cleaning and shaping the root canal. Dent Clin North Am 1974;18:269-96.
2. Peters OA. Current challenges and concepts in preparation of root canal system: a review. J Endod 2004;30:559-67
3. Nair PN. On the causes of the persistent api- cal periodontitis. A review. Int End J 2006 Apr;39(4):249-81.
4. Gulabivala K, Patel B, Evans G, Ng Y-L (2005) Effects of mechanical and chemical procedures on root canal surfaces. Endodontic Topics 10, 103–22.
5. Senia ES, Marshall FJ, Rosen S. The solvent action of sodium hypochlorite on pulp tissue of extracted teeth. Oral Surg Oral Med Oral Pathol 1971;31:96–103.
6. Moorer WR, Wesselink PR. Factors promot- ing the tissue dissolving capability of sodium hypochlorite. Int Endod J 1982;15:187–96.
7. Baumgartner, Paul R. Cuenin Efficacy of several concentrations of sodium hypochlorite for root canal irrigation J. Craig Journal of Endodontics December 1992 Vol. 18, Issue 12, Pages 605-612
8. Naenni N, Thoma K, Zehnder M. Soft tissue dis- solution capacity of currently used and potential endodontic irrigants. J Endod 2004;30:785–7.
9. Harrison JW, Hand RE. The effect of dilution and organic matter on the anti-bacterial prop- erty of 5.25% sodium hypochlorite. J Endod 1981;7:128–32.
10. Siqueira J F. Jr., Roqas l N., Favieri A, Lima K. C. Chemomechanical Reduction of the Bacterial Population in the Root Canal after Instrumenta- tion and Irrigation with 1%, 2.5%, and 5.25% Sodium Hypochlorite J.Endod VOL. 26; 6, 2000: 331-334
11. Haapasalo M, Orstavik D. In vitro infection and disinfection of dentinal tubules. J Dent Res. 1987;66:1375-1379
12. Guerisoli DMZ, Marchesan MA, Walmsley AD, Lumley PJ, Pecora JD. Evaluation of smear layer removal by EDTAC and sodium hypochlo- rite with ultrasonic agitation. Int Endod J , 35, 418–421, 2002.
13. Yoshida T, Shibata T, Shinohara T, Gomyo S, Sekine I. Clinical evaluation of the efficacy of EDTA solution as an endodontic irrigant. J En- dod 1995;21:592–3.
14. Hülsmann M, Heckendorff M, Lennon A. Chelating agents in root canal treatment: mode of action and indications for their use. Int Endod J 2003;36:810 –30.
15. Naenni N, Thoma K, Zehnder M. Soft tissue dis- solution capacity of currently used and potential endodontic irrigants. J Endod 2004;30:785–7.
16. Zamany A, Safavi K, Spångberg LS. The effect of chlorhexidine as an endodontic disinfectant. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Endod 2003;96:578–81.
17. Interaction between Sodium Hypochlorite and Chlorhexidine Gluconate. Bettina R. Basrani, DDS,* Sheela Manek, BSc,† Rana N.S. Sodhi, PhD,‡Edward Fillery, BSc, PhD,† and Aldo Manzur, DDS, MSc*J Endod 2007;33:966 –969
18. van der Sluis LW, Gambarini G, Wu MK, Wes- selink PR. The influence of volume, type of irrig- ant and flushing method on removing artificially placed dentine debris from the apical root canal during passive ultrasonic irrigation. Int Endod J 2006;39: 472–6.
19. Nielsen BA, Baumgartner JC. Comparison of the EndoVac system to needle irrigation of root canals. J Endod 2007;33:611–5.
20. Shin SJ, Kim HK, Jung IY, Lee CY, Lee SJ, Kim Comparison of the cleaning efficacy of a new apical negative pressure irrigating system with conventional irrigation needles in the root canals Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Endod. 2010 Mar;109(3):479-84
21. De Gregorio C., Estevez R., Cisneros R., Paran- jpe A., Cohenca N.Efficacy of Different Irriga- tion and Activation Systems on the Penetration of Sodium Hypochlorite into Simulated Lateral Canals and up to Working Length: An In Vitro Study , 29 March 2010 Journal of Endodontics July 2010 (Vol. 36, Issue 7, Pages 1216-1221)
22. Zehnder M. Root canal irrigants. J Endod 2006; 32:389-39.
23. HYPERLINK “http://www.ncbi.nlm.nih. gov/pubmed?term=%22Buchanan%20 LS%22%5BAuthor%5D”Buchanan LS. Ahead of the curve: future directions in endodontics. Dent Today. 2009 Apr; 28(4):110,112,114.
24. Woodmansey KF . Intracanal heating of sodium hypochlorite solution: an improved endodon- tic irrigation technique. Dent Today. 2005 Oct;24(10):114, 116.

 

Segue l’articolo :

 

Dr. Filippo Santarcangelo, Dr Arnaldo Castellucci

 

Curriculum

 

Dott. Filippo Santarcangelo
Nato a Bari nel 1973, maturità classica, nel 1996 laurea con lode in Odontoiatria e P.D. presso l’Università di Bari.
Nel 2003 a Firenze, partecipa al corso annuale di Endodonzia Ortograda e Chirurgica del Dott.Arnaldo Castellucci.
Nel 2006 corso pratico presso lo studio del dott.S.Buchanan a Santa Barbara (California)
Nel 2007 Master di Endodonzia a Miami (Florida).
Socio del Warm Gutta Percha Study Club presieduto dal Dott. Arnaldo Castellucci.
Socio Attivo della Società Italiana di Endodonzia.
Relatore in numerose conferenze e congressi nazionali e internazionali.
Relatore all’AAE (American Association of Endodontists) nell’edizione di S.Diego 2010 e di S.Antonio 2011.
Visiting Lecturer presso il dipartimento di Endodonzia della Harvard University ( Boston-USA).
Professore a contratto in Endodonzia al corso di laurea in Odontoiatria dell’ Università di Padova.
Libero professionista in Bari, limitatamente all’endodonzia ortograda e chirurgica.
Contatti: filipposantarcangelo@gmail.com

 

Dr. Arnaldo Castellucci
dal 1980 esercita la professione limitatamente all’Endodonzia.
E’ Past President della S.I.E., Società Italiana di Endodonzia e Past President della I.F.E.A., International Federation of Endodontic Associations, della quale è stato Presidente nel triennio 1993-95. E’ Socio Attivo della A.A.E., American Association of Endodontists, dell’A.I.O.M., Accademia Italiana di Odontoiatria Microscopica e della E.S.E., European Society of Endodontology, della quale è stato segretario nel biennio 1982-83.
E’ Professore a Contratto presso il Corso di Laurea in Odontoiatria dell’Università di Firenze.
E’ fondatore del Centro per l’insegnamento della Micro-Endodonzia, con sede in Firenze, dove insegna e tiene corsi teorico-pratici su argomenti di Endodonzia Clinica e Chirurgica al Microscopio.

Contatti:castellucci@dada.it

 

Per informazioni:

zerodonto@gmail.com

 

L’irrigazione canalare nell’Endodonzia moderna: Casi semplici ultima modifica: 2011-10-27T19:56:00+00:00 da Filippo Santarcangelo
 

11 Commenti

Di Martino

about 6 anni ago

Bello, bello, bello. Complimenti davvero per l'articolo. Splendida iconografia, articolo preciso che si fa leggere davvero con piacere. Mi ha fatto rendere conto di quanto sia inadeguata l'irrigazione che effettuo di solito ;) Grazie

Rispondi

Attilio Venerucci

about 6 anni ago

Bell'articolo, complimenti. una domanda: quando cemento perni in fibra mi capita, utilizzando gli appositi micro brushes, di lasciare delle setole all'interno (le vedo al microscopio). col sistema di "endospazzolini artigianali" citati nell'articolo non capita lo stesso problema? altra domanda: non essendo più in commercio i GT files, con che strumenti manuali li sostituisci in casi come quello presentato? per caso coi Protaper manuali? grazie. Attilio

Rispondi

vittorio ortona

about 6 anni ago

Amerei avere la Vostra opinione sull'uso degli ultrasuoni per eseguire tutto cio che voi fate con le canule a pressione negativa.Sono 20 anni che la mia endodonzia si avvale del Piezon Master 400 con montato in punta un file 15 che mi porta alla L.L. l'ipoclorito per tutto il tempo del trattamento>>azione di cavitazione e di riscaldamento, a cui interpongo un paio di lavaggi con EDTA lasciato agire per 1 minuto. E' Sufficiente? Grazie

Rispondi

Anonymous

about 6 anni ago

Complimenti per il bellissimo articolo, come sempre. Vi chiedevo se, sia come riscaldamento finale dell'ipoclorito intracanalare, sia come ulteriore strumento per attuare una buona disinfezione, avete esperienza o notizie sul laser a diodi. Lo Studio Associato dove lavoro ne ha acquistato uno per altri scopi, e pensavo di utilizzarlo anche io per la disinfezione dei canali, in particolare nei casi necrotici o nei ritrattamenti. Mi chiedevo se avete una opinione riguardo all'uso di questo laser o qualche esperienza diretta o indiretta. Con stima, Nicola Rotunno

Rispondi

Pisano

about 6 anni ago

Splendido articolo. Pratico e colloquiale. Una domanda. La tecnica per pressione negativa è utilizzabile anche con altri irriganti tipo Tetraclean? e che ne pensa? e del nuovo ipoclorito della Ogna che ne pensa? Grazie e complimenti a tutto il blog.

Rispondi

filippo santarcangelo

about 6 anni ago

In risposta al collega Di Martino: grazie davvero!In risposta al collega Attilio Venerucci: hai centrato il punto: vanno usati molto delicatamente, altrimenti quel rischio c'è...sarei felice se Cliff Ruddle mettesse in commercio le sue spazzole brevettate anni fa e rimaste inspiegabilmente nel dimenticatoio.... I GT si vendono ancora negli USA: se hai qualcuno che te li procura.....in alternativa vanno benissimo i protaper manuali opportunamente precurvati con EndoBender. ti saluto!In risposta al collega Vittorio: caro Vittorio ci sarebbe da parlarne per ore....personalmente vedo gli ultrasuoni come un sistema di potenziamento dell'irrigazione che va usato con molta cautela ( estrusione irriganti- e/o possibili danni in radici curve...). L'EndoVac è un sistema di rilascio che ti da la certezza di raggiungere l'apice e di rinnovare gli irriganti in apice. Per valutare l'efficacia di un sistema di irrigazione bisogna rispondere a 3 domande. 1)raggiunge l'apice? 2) rimuove i detriti? 3) crea una corrente di fluido? La pressione negativa mi da certezze in merito ed è sicura per il paziente. Ultima cosa. Ormai dimostrata in letteratura la presenza di gas nel terzo apicale dei canali. l'aspirazione( press.negativa ) è l'unica a rimuoverli dato che per le leggi della fisica gli ultrasuoni sono attivi solo nei liquidi e non nei gas. Di seguito l'articolo molto bello che ti consiglio di leggere. (Tay FR, Gu LS, Schoeffel GJ, Wimmer C, Susin L, Zhang K, Arun SN, Kim J, Looney SW, Pashley DH. Effect of vapor lock on root canal debridement by using a side-vented needle for positive-pressure irrigant delivery). J Endod. 2010 Apr;36(4):745-50. Prova la pressione negativa e combinala con gli ultrasuoni, sarai imbattibile! Ti saluto.In risposta al collega Nicola Rotunno Caro Nicola a mio avviso l'ipoclorito basta e avanza. Non adopero il laser e riscaldo l'ipo col system b : va benissimo. Attento a possibili estrusioni dopo riscaldamento col laser: ho visto dei video preoccupanti.... ciao e grazie!In risposta al collega Pisano: ciao e grazie innanzitutto. La tecnica a pressione negativa è utilizzabile con tutti gli irriganti. Ben vengano i nuovi irriganti che sembrano essere più efficaci dei precedenti: proviamoli! un caro saluto

Rispondi

Antonio Monti

about 6 anni ago

Complimenti: bellissima documentazione. Un solo quesito: dai testi del Dr. Castellucci ho imparato che il forame apicale va mantenuto il più piccolo che sia pratico. Il nuovo approccio descritto nell'articolo modifica, forse, questo "dogma"?

Rispondi

Stefano

about 6 anni ago

Lavoro davvero esaustivo, mi congratulo. Ho acquistato l'Endovac da circa un anno e, nella mia pratica clinica, ho ravvisato più volte l'intasamento della microcannnula. Anche altri colleghi hanno riportato la stessa problematica. Qual è l'esperienza degli autori in proposito? Grazie.

Rispondi

davide varone

about 6 anni ago

complimenti per la chiarezza esemplare,una lezione magistrale sul'irrigazione che troppo spesso viene considerata marginale anche nei corsi di relatori famosi. Interessante lo spazzolino artigianale le setole sono incollate con cianoacrilato?

Rispondi

filippo santarcangelo

about 6 anni ago

In risposta al collega Antonio Monti: caro Antonio innanzitutto grazie! rispondo io per il mio Maestro Arnaldo, nella convinzione di ben-interpretare il suo pensiero, che è poi quello dell'indimenticato Prof.Schilder. Oggi vogliamo sempre il forame più piccolo che sia pratico da detergere prima otturare dopo. Questo significa che in tutti i casi in cui posso allargare i diametri apicali nel rispetto più assoluto dell'anatomia originaria (al fine di portare in profondità aghi da irrigazione o microcannule ) allargo il terzo apicale. Se non rischio nulla e mi sento sicuro ( valutazione rx preoperatoria e intraoperatoria) sagomo in profondità come del resto dicono gli americani Glassman e Serota ( verticalisti come noi...) che parlano di "apical control zone" . Il loro articolo è interessantissimo ed enfatizza il concetto della creazione nel terzo apicale di una zona larga al punto da far arrivare irriganti prima , guttaperca dopo. L'articolo è: Predictable Endodontic Success: the apical control zone. Serota -Nahamias-Barnett-Brok-Senia. Dentistry Today 22(5): 90-97,2003 D'altro canto , in presenza di curve severe o improvvise o difficoltà anatomiche in genere vale l'atteggiamento più cauto possibile e si privilegiano conicità più basse e ci si guarda bene dal tentativo rischioso di allargare. Spero sia tutto chiaro.... un abbraccio FilippoCaro Stefano grazie!! la microcannula si può otturare per vari motivi...1)La micro si ottura in genere se nn viene preceduta dall'utilizzo della macrocannula per un tempo adeguato( 30 secondi a canale). Inoltre sia la macroc ke la micro devono essere adoperate solo dopo al termine della strumentazione manuale e meccanica che notoriamente producono detriti. 2)La micro si ottura se la preparazione canalare è troppo "stretta" Secondo quanto prescritto dall'inventore dr.Schoeffel il diametro in apice deve essere almeno 0.35 e la conicità almeno del 4%.Se sei in un tratto apicale "stretto" ti consiglio di muoverla in su e giu con escursioni di 1-2mm e riprende ad aspirare. Se proprio nn aspira collegala col suo portatore in titanio ad una siringa senza ago piena d'acqua e sbloccala pressando dunque l'acqua ke fuoriuscirà dai microfori, liberandoli.Se usi la macrocann. prima e la preparazione è adeguata nn si ottura quasi mai. A disposiz per altri chiarimenti, FilippoCiao Davide, ti ringrazio tanto per le belle parole!!! Le setole sono incollate cn cianoacrilato, ma quello spazzolino risulta dalla modifica di aghi da irrigazione prodotti da Vista Dental e commercializzati da Ilic che si chiamano "X-F-cannula" li trovi sul catalogo... Io li monto su manici in silicone di k-file senseus maillefer ormai rovinati e che nn uso più... ciao!!! Filippo

Rispondi

mario saba

about 2 mesi ago

buongiorno filippo mi chiamo mariosaba ,complimenti per l'articolo,vorrei sapere per gentilezza dove osso trovare le micro e macro cannule ad aspirazione negativa e come vanno usate grazi infinite

Rispondi

Lascia un commento

Si prega di essere corretti. I commenti educati saranno apprezzati.
Gli indirizzi email non saranno pubblicati. I campi marcati sono obbligatori.