Nuova tecnica per il recupero di spazio protesico in regione implantare: case report

Nuova tecnica per il recupero di spazio protesico in regione implantare: case report

ENGLISH VERSION

 

 

Nella progettazione di un piano di trattamento di un paziente implanto-protesico, ai fini di una prognosi fausta della riabilitazione a lungo termine, è fondamentale l’approccio multidisciplinare. Tuttavia a volte, nonostante l’impegno a realizzare un piano di trattamento ideale, può accadere di doversi confrontare con uno spazio incongruo al momento di inizio delle procedure protesiche.
Tale evenienza può essere dovuta o ad una mancata stabilità occlusale, erroneamente non corretta all’inizio del trattamento, o alla scarsa compliance dei pazienti che, spesso, non rispettano i tempi dei richiami periodici stabiliti dall’odontoiatra.
In assenza di un corretto ingranaggio occlusale e/o di opportuni mantenitori di spazio, gli elementi dentari adiacenti ad una sella edentula, infatti, possono andare incontro a versioni anche di pochi decimi di millimetro che esitano, però, in complicanze protesiche tutt’altro che trascurabili. Nei casi più estremi, come in questo caso, può risultare addirittura impossibile accoppiare le componentistiche implanto-protesiche a causa di uno spazio di accesso occlusale insufficiente per accedere al collo dell’impianto.
Pertanto sfruttando l’impianto che, essendo osteointegrato, è un punto fermo di ancoraggio e non può quindi spostarsi dalla sua posizione, ho ideato una tecnica per spostare gli elementi dentari. L’idea è nata osservando lo spazio che si crea mesialmente e distalmente ai molari utilizzando gli elastici separatori per l’inserimento delle bande in ortodonzia. Tale tecnica permette di risolvere semplicemente problematiche di recupero spazio in maniera non invasiva. Determina un movimento ortodontico di inclinazione incontrollata indicato per la risoluzione di tali inclinazioni dentarie.

Case report

Il paziente S.R., di sesso maschile e 32 anni di età, era stato sottoposto con successo a terapia chirurgica implantare in regione 16, al fine di sostituire un elemento dentario precedentemente avulso.
Una attenta analisi degli spazi era stata effettuata durante la pianificazione del trattamento per poter inserire la fixture in una posizione protesicamente guidata ottimale. Ciò nonostante, il paziente era mancato più volte ai controlli periodici richiesti, presentandosi dopo 2 anni dalla chirurgia implantare. E’ stata immediatamente evidenziata una mesio-versione dell’elemento 17 (figg.1-2) intervenuta in quel lasso di tempo.
Recupero spazio
Spazio impianto
Tale mesio-versione inficiava la pianificazione restaurativa programmata, rendendo necessaria la distalizzazione della corona dell’elemento 17 al fine di riaprire correttamente lo spazio protesico. Il paziente, però, ha rifiutato sia la realizzazione di un intarsio sull’elemento 17, giustificato esclusivamente dalla possibilità di recuperare almeno parte di tale spazio modificando il profilo mesiale del dente, sia una tradizionale terapia ortodontica.
Si è proceduto, pertanto, all’avvitamento di un abutment implantare pieno (figg.3) che è stato, poi, preparato intraoralmente per ottimizzare gli spessori sia in senso mesiodistale che in senso occlusale necessari alla realizzazione del manufatto protesico definitivo (figg.4-5-6).Pilastro
Pilastro Straumann
Preparazione moncone Preparazione impianto

Di seguito, è stata effettuata una tradizionale ribasatura intraorale con resina autopolimerizzante di una corona provvisoria in resina acrilica realizzata in laboratorio (fig.7). La rifinitura di quest’ultima è stata invece realizzata extraoralmente utilizzando un analogo implantare da laboratorio (fig.8), in modo da rendere ottimale la chiusura del margine e riducendo il discomfort del paziente (figg.9-10-11-12-13).
Ribasatura

Analogo impianto

 

Capsula provvisoria
Corona composito

Corona resina
Dente resina

Dente composito

La morfologia emergente del provvisorio è stata realizzata in modo da consentire un facile accesso igienico al collo impiantare. Infine, la corona provvisoria è stata cementata sull’abutment con un cemento provvisorio senza eugenolo. (fig 14)
Dopo avere rimosso i residui di cemento, è stato inserito un elastico ortodontico (fig.15) nella zona di contatto tra la corona provvisoria e l’elemento 17, al fine di esercitare una forza lieve per distalizzare la corona del molare, realizzando un movimento di inclinazione incontrolata (fig.16).
Punto contatto
Elastico ortodontico Mantenitore spazio
A distanza di 10 giorni, è stato recuperato uno spazio di circa 1,5mm (figg.16-17-18) e si è proceduto a ricreare un corretto punto di contatto e procedere nuovamente all’inserimento di un nuovo elastico. A distanza di altri 10 giorni avevamo ottenuto uno spazio protesico congruo e si è potuti procedere con la realizzazione del manufatto protesico.Area contatto
Nuova tecnica
Case report
Tale tecnica ci è sembrata molto semplice e versatile a tal punto da pensare di poterla utilizzare in zone edentule dove lo spazio è ridotto per inclinazione coronale degli elementi dentari adiacenti. Si potrebbe quindi inserire un impianto in una zona edentula con spazio ridotto, rispetto a quello richiesto per la realizzazione della corona protesica, prevedendo il futuro spostamento degli elementi dentari con questa tecnica (fig 19,20 21,22).
Impianto molare
Impianto premolare
Premolare inferiore
Moncone molare
Ovviamente la tecnica è realmente valida ed efficace solo se i denti da spostare hanno subito una mesio-versione o una disto-versione della corona. In questi casi per recuperare lo spazio protesico è necessario un movimento di inclinazione incontrollato che si può ottenere facilmete utilizzando un elastico separatore. Quando invece è necessario realizzare uno spostamento corporeo lo si può sempre realizzare ancorandosi agli impianti ma utilizzando altri dispositivi.

Per informazioni:

zerodonto@gmail.com

Nuova tecnica per il recupero di spazio protesico in regione implantare: case report ultima modifica: 2008-02-07T00:56:00+00:00 da Fabio Cozzolino
 

7 Commenti

Bisotti

about 10 anni ago

è una tecnica semplice ma ci risolve problemi a volte notevoli. Grazie

Rispondi

Di Martino

about 10 anni ago

Bella tecnica, complimenti. Ma la distalizzazione incontrollata del molare non porta anche ad una minima estrusione dello stesso? C'è bisogno eventualmente di un molaggio? Avete provato ad utilizzare la tecnica anche in presenza di 2 molari mesioversi? Vi pongo tutte queste domande perchè mi ritrovo un caso simile, ma con un 7 ed 8 distalmente all'impianto, e se potessi utilizzare una tecnica così poco invasiva, credo che il paziente me ne sarebbe grato. Grazie

Rispondi

Fabio Cozzolino

about 10 anni ago

Una volta che l'impianto si è osteointegrato diventa un punto fermo di ancoraggio e può senza problemi distalizzarti sia settimo che ottavo.Per quanto riguarda la minima estrusione se il movimento da fare è grosso puoi applicare una leva che parte dall'impianto altrimenti puoi risolvere con un molaggio se il paziente comincia ad avvertire dei precontatti. Personalmente non mi è mai accaduto anche perchè in genere i movimenti da fare sono minimi.Ti consiglio di bloccare l'elastico con un goccio di bonding.

Rispondi

Anonymous

about 10 anni ago

se una microvite ti permette di distalizzare una intera arcata figuriamoci un impianto.Bellissima l'idea comunque. Tecnica semplice e versatile.

Rispondi

Rahul Rajvansh

about 5 anni ago

beautiful and helpful technique... thank you very much for introducing to us.

Rispondi

Peppino

about 9 mesi ago

Sono un odontotecnico . La uso sempre nel mio studio e funziona sempre.. faccio impianti da 20 anni

Rispondi

Ortodonzia Fan

about 2 mesi ago

Old but gold!

Rispondi

Lascia un commento

Lascia replica a Anonymous oppure Cancella replica

Si prega di essere corretti. I commenti educati saranno apprezzati.
Gli indirizzi email non saranno pubblicati. I campi marcati sono obbligatori.