Ortodonzia Invisibile contro Ortodonzia Estetica: Ortodonzia linguale senza attacchi mediante l’utilizzo di retainers preattivati

Ortodonzia Invisibile contro Ortodonzia Estetica: Ortodonzia linguale senza attacchi mediante l’utilizzo di retainers preattivati

 

La maggiore richiesta di ortodonzia nel paziente adulto che si è avuta negli ultimi anni ha portato allo sviluppo di terapie sempre più estetiche. Attacchi in ceramica, archi e legature estetici si sono diffusi sempre di più nella pratica ortodontica. Oggi abbiamo tecniche per allineare gli elementi dentari attraverso l’utilizzo di mascherine trasparenti, ma tale tecnica può esser utilizzata in un limitato numero di malocclusioni. Tutti i dispostivi di questo tipo rendono l’ordodonzia meno visibile e quindi più estetica ma nessuno di essi è in grado di nascondere completamente la terapia. L’utilizzo degli attacchi linguali è invece una tecnica completamente invisibile, non priva però di fastidi per il paziente. Tali fastidi sono dovuti sia ad alterazioni della fonetica sia al decubito degli attacchi sulla lingua.
Nella mia pratica clinica realizzo l’ortodonzia linguale senza attacchi mediante fili superelastici direttamente bondati sui denti. Tale metodica,ideata dal Prof. A. Macchi e dal Dott. N. Cirulli(1-2) e successivamente applicata anche da altri autori, è considerata dai pazienti molto confortevole, non da problemi di natura fonetica e raramente risulta fastidiosa al contatto con la lingua. Questa terapia, realizzata in pazienti con recidiva che avevano precedentemente effettuato una terapia con attacchi linguali, è risultata molto più confortevole.

Il paziente di cui di seguito parleremo è estremamente motivato ad allineare gli elementi dentari ma tramite una terapia ortodontica estetica.
Presenta la seguente situazione clinica:
– affollamento all’arcata inferiore di circa 4 mm
– affollamento all’arcata superiore di 2 mm
– testa a testa molare e canino destro
– I cl molare e canina a sinistra
– OVB di 3,5 mm
– OVJ di 3,5 mm

malocclusione dentaria

overjet destrooverjet sinistro
malocclusione di seconda classe dentaria

prima classe dentaria

soprapposizione dei denti anteriori

sovrapposizione dentaria

Inizialmente si è proceduti ad effettuare l’allineamento dentario mediante l’utilizzo di mascherine trasparenti. Questo perchè il paziente chiedeva di recarsi a visita il meno possibile, a causa dei suoi impegni di studio e di lavoro, e tale tecnica consente appuntamenti più brevi alla poltrona e sedute più dilazionate. Sui modelli in gesso del paziente è stato realizzato il set up degli spostamenti dentari e sono state termoformate le mascherine.

Invisalign

Le mascherine sono state consegnate al paziente dicendo di cambiarle con le mascherine successive ogni 2 settimane.
Dopo poche settimane il paziente chiede di sostituire le mascherine con una terapia linguale senza attacchi, poiché desiderava una terapia completamente invisibile e senza lo scomodo di dover togliere le mascherine in occasione dei pasti e del lavaggio dei denti. E’ stato pertanto applicato un retainer attivo ad entrambe le arcate da canino a canino.

MODELLAZIONE DEI RETAINERS

E’ stato utilizzato un filo per retainer passivo dello spessore di 0.0175 inch. All’arcata superiore è stato modellato in modo che si adattasse passivamente alla superficie linguale dei denti da canino a canino ed è stata modellata un ansa a U tra i 2 centrali

ortodonzia invisibile
All’arcata inferiore il filo è stato modellato sempre in modo che si adattasse alla superficie linguale da canino a canino.

apparecchio ortodontico

Delle anse a U sono state modellate tra gli elementi 42 e 43, 41 e 31, 32 e 33. Queste anse permetteranno di attivare l’espansione e l’allineamento vestibolo-linguale. E’ stato inoltre modellato un offset distale al 41 e uno mesiale al 32 per derotare questi denti.

ATTIVAZIONI DEI RETAINERS

Il retainer superiore è stato attivato aprendo l’ansa centrale di 1,5 mm. Con 2 pinze è stato piegato lingualmente il tratto di filo da bondare al centrale di destra e vestibolarmente quello da bondare al centrale di sinistra. Tali attivazioni consentono il corretto posizionamento V-L dei centrali man mano che si crea spazio.
Il retainer inferiore è stato attivato con una piega a V tra il 41 e il 42 e un’altra piega a V tra il 32 e il 33. Queste pieghe a V, consentono di vestibolarizzare gli elementi 41 e 42, Successivamente con 2 pinze il segmento da bondare sui denti 41 e 42 è stato piegato verso vestibolare mentre quello da bondare sul 31 verso linguale. Quest’ultima attivazione incrementa la forza che sposta lingualmente il 31 e espande gli incisivi di destra.

attivazioni dei retainers
attivazioni retainers
retainers
retainers 2

retainers 3

VIDEO 

SEQUENZA DI BONDAGGIO

Le superfici linguali sono state pulite e mordenzate per 30 sec. E’ stato quindi applicato l’adesivo e polimerizzato.
All’arcata superiore il retainer è stato inizialmente bondato sui denti 21, 22 e 23. Successivamente l’ansa tra i 2 centrali è stata chiusa di 1,5 mm ed il retainer è stato bondato sui denti 11, 12 e 13.
All’arcata inferiore il retainer è stato dapprima bondato sul 41. Successivamente l’ansa tra il 41 ed il 31 è stata chiusa di 1,5mm ed il retainer è stato bondato sul 32. Il tratto di retainer da bondare sul 31 si trova ora più lingualmente rispetto a tale dente grazie alle attivazioni fatte precedentemente. Con lo strumento di utilità viene posizionato sul 31 e bondato. Il ritorno elastico del filo spingerà il dente lingualmente man mano che le anse creano lo spazio. E’ stata poi chiusa di 1,5 mm l’ansa tra gli elementi 43 e 42 ed il filo è stato bondato prima sul canino e poi sul laterale. Man mano che l’ansa crea lo spazio l’offset modellato precedentemente denoterà il 42. Infine l’ansa tra il 33 ed il 32 è stata chiusa sempre di 1,5 mm circa ed il retainer è stato bondato sul 33. Anche qui man mano che l’ansa espande si ha la derotazione del 32 grazie all’offset modellato mesialmente a tale dente.

SUCCESSIVI CONTROLLI

Il paziente è stato controllato ogni 3-4 settimane. Il filo è stato di volta in volta staccato nel tratto che si doveva attivare, consumando il composito con una fresa, ed è stato attivato o aprendo le anse o aggiungendo delle pieghe a V. ortodonzia linguale controlli successivi ortodonzia linguale senza attacchi controlli successivi

Dopo un mese è stato modellato un nuovo retainer superiore per correggere un piccolo slivellamento verticale degli incisivi. Oltre all’ansa a U tra gli incisivi è stata aggiunta un’altra ansa distale al centrale di destra. Al momento del bondaggio il retainer è stato bondato sull’11 spingendolo verso coronale di 1 mm . Il ritorno elastico del filo ha realizzato l’intrusione del centrale di destra.

L’allineamento superiore è stato raggiunto in circa 2 mesi, l’inferiore in 6 mesi.

allineamento dentirisultati allineamento denti

Bibliografia
1.Macchi A, Cirulli N. “Fixed Active Retainer for Minor Anterior Tooth Movement”. Journal of Clinical Orthodontics, 2000.
2.Macchi A, Rania S, Cirulli . “Una proposta per la gestione di disallineamenti anteriori: il mantenitore attivo di contenzione (MAC)”. Mondo Ortodontico, 1999.

 

Bibliografia aggiuntiva

1-Am J Orthod Dentofacial Orthop. 2014 Oct;146(4):411. Forces and moments generated by removable thermoplastic aligners: incisor torque, premolar derotation, and molar distalization.

Simon M, Keilig L, Schwarze J, Jung BA, Bourauel C.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25439196

2- Angle Orthod. 2014 Nov 20.

Efficacy of clear aligners in controlling orthodontic tooth movement: A systematic review.

Rossini G, Parrini S, Castroflorio T, Deregibus A, Debernardi CL.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25412265

3- Orthodontics (Chic.). 2011 Winter;12(4):386-95.

A segmented appliance for space closure followed by Invisalign and fixed appliances.

Uribe F1, Cutrera A, Nanda R.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22299111

4- Am J Orthod Dentofacial Orthop. 2009 Jan;135(1):27-35. doi: 10.1016/j.ajodo.2007.05.018.

How well does Invisalign work? A prospective clinical study evaluating the efficacy of tooth movement with Invisalign.

Kravitz ND, Kusnoto B, BeGole E, Obrez A, Agran B.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19121497

5- Angle Orthod. 2007 Sep;77(5):864-9.

Invisalign and traditional orthodontic treatment postretention outcomes compared using the American Board of Orthodontics objective grading system.

Kuncio D, Maganzini A, Shelton C, Freeman K.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17685783

6- Prog Orthod. 2006;7(1):32-43.

Extraction treatment using Invisalign Technique.

Giancotti A, Greco M, Mampieri G.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16552454

7- J Am Dent Assoc. 2002 Mar;133(3):369-71.

Orthodontics and the general practitioner.

Christensen GJ.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11934193

8- Orthodontics (Chic.). 2011 Winter;12(4):386-95.

A segmented appliance for space closure followed by Invisalign and fixed appliances.

Uribe F, Cutrera A, Nanda R.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22299111

9- Am J Orthod Dentofacial Orthop. 2005 Sep;128(3):292-8; discussion 298.

Outcome assessment of Invisalign and traditional orthodontic treatment compared with the American Board of Orthodontics objective grading system.

Djeu G, Shelton C, Maganzini A.

LINK: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16168325

Per informazioni:

zerodonto@gmail.com

Ortodonzia Invisibile contro Ortodonzia Estetica: Ortodonzia linguale senza attacchi mediante l’utilizzo di retainers preattivati ultima modifica: 2007-11-23T23:13:00+00:00 da Anna Mariniello
 

17 Commenti

Anonymous

about 10 anni ago

ma come si può gestire un caso in modo? tecnica splendida.. non comprendo come si possano gestire le attivazioni.. si smonta tutto ogni volta?

Rispondi

veneziani

about 10 anni ago

complimenti per la tecnica.

Rispondi

Anonymous

about 10 anni ago

è possibile in qualche modo seguire dei corsi con la dottoressa per imparare la tecnica? complimenti. originalissima..

Rispondi

cortesi

about 10 anni ago

cara collega ho visto che è giovanissima e fa cose incredibili.volevo solo farle i miei complimenti

Rispondi

anna mariniello

about 10 anni ago

Prima di tutto vi ringrazio per i complimenti e per l’interesse che state mostrando verso questo blog. Così facendo ci incoraggiate a continuare questo percorso ed animate il nostro entusiasmo. I vostri commenti, le critiche ed i quesiti che ci ponete sono fondamentali per la stesura dei nostri lavori, consideranto che il “primum movens” è confrontarsi e crescere insieme. Nei prossimi lavori che pubblicheremo nel sito spero di chiarirvi sempre di più le idee sui pre-activated retainers. Sicuramente rispetto all’ortodonzia con attacchi la gestione dei casi clinici è più complessa. Soprattutto in un epoca in cui si cerca di piegare i fili sempre di meno… Rispondendo ad una domanda che mi è stata posta vorrei però precisare che non è necessario smontare tutto il filo ogni volta. Infatti quando viene modellato lo si fa inserendo tutte le attivazioni utili, pensando anche a cosa faremo nei successivi controlli. Solitamente è necessario staccarlo solo da 1-2 denti ogni volta ed il controllo si effettua ogni 3 settimane circa.

Rispondi

mc582

about 10 anni ago

Buongiorno, vivo a Milano e volevo sapere se nella mia citta' vi sono dentisti che utilizzano questa tecnica. Grazie

Rispondi

Marino Musilli

about 10 anni ago

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Rispondi

anna mariniello

about 10 anni ago

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Rispondi

zerodonto group

about 10 anni ago

In linea con gli amministratori del Forum Odontoline, riteniamo di non continuare questa discussione nel Blog perchè non è il luogo adatto per una discussione personale che è gia andata da entrambe le parti oltre lo spirito del blog che dovrebbe essere di dicussione di casi clinici e confronto su essi.

Rispondi

Anonymous

about 10 anni ago

la tecnica è bella e la documentazione ancora di più.Non credo però sia una tecnica facilmente riproducibile. Paola

Rispondi

barbara

about 10 anni ago

sono veramete soddisfatta della tecnica ideata in teoria...spero che il mio piccolo ma sicero complimento ti possa gratificare e spronare per continuare ad elaborare in futuro...complimenti ancora!!..barbara 62'

Rispondi

Anonymous

about 8 anni ago

salve,ho 23 anni e sono di Napoli,devo mettermi l'apparecchio ai denti e sarei interessata all'otodonzia linguale,a chi mi posso rivolgere.Grazie

Rispondi

Anonymous

about 7 anni ago

Recentemente ho trovato il vostro blog e hanno letto insieme. Ho pensato di lasciare il mio primo commento. Non so cosa dire se non che mi sono goduto la lettura. bel blog.

Rispondi

Anonymous

about 4 anni ago

Salve, ho letto il vostro blog ma nei vari casi che avete trattato non si parla di estrazioni dentarie. Vorrei sapere come mai, visto che nei casi di denti sporgenti è necessario creare per forza degli spazi prima di far retrocedere i denti.

Rispondi

anna mariniello

about 4 anni ago

Dott.ssa Anna MarinielloCerto nei casi in cui l'arcata superiore è sporgente o realizzo una distalizzazione completa dell'arcata senza fare estrazioni oppure realizzo delle estrazioni. In questo blog trova esempi clinici di entrambe le soluzioni. Può inoltre consultare il nostro "Atlante di Ortdonzia linguale fissa senza attacchi", Quintessenza Edizioni, dove troverà casi di II classe risolti sia con che senza estrazioni.

Rispondi

Victoria Rabbogliatti

about 3 anni ago

Buongiorno, vorrei sapere ad oggi quali sono le migliori strutture alle quali far riferimento per una visita per mettere l'apparecchio linguale senza attacchi Vi ringrazio

Rispondi

Gio

about 3 anni ago

Buongiorno, vivo in Trentino mi piacerebbe fare un consulto con i dottori: collaborano con qualche studio del nord Italia? Grazie

Rispondi

Lascia un commento

Lascia replica a cortesi oppure Cancella replica

Si prega di essere corretti. I commenti educati saranno apprezzati.
Gli indirizzi email non saranno pubblicati. I campi marcati sono obbligatori.